Fare il reset togliendo la corrente

A volte vi è una vecchia battuta che riguarda il campo elettronico ed informatico, quando un qualsiasi dispositivo ha dei problemi: avete provato a spegnerlo e riaccenderlo? C’è chi si chiede se è davvero utile fare una cosa del genere, ma alla fin fine funziona. La vera domanda quindi arriva da questo contesto: come mai togliere la corrente ad un dispositivo lo “aggiusta” rimettendolo di nuovo in funzione?
Per prima cosa, iniziamo dicendoti, come ogni dispositivo informatico ha una memoria RAM al suo interno. Questa contiene delle informazioni temporanee, che però non vengono quasi mai eliminate dal sistema. Tutti questi dati possono accumularsi e rallentare le operazioni, se non addirittura provocare errori e blocchi.
Quando togliamo la corrente ad un dispositivo è come se a tutti gli effetti ne forziamo il riavvio, svuotandone nel frattempo ciò che rimane di temporaneo in memoria.
Ma che differenza c’è fra il riavvio o lo stand-by del dispositivo, Router o TV che sia? Alcuni di voi staranno probabilmente già per dire che il vostro dispositivo può essere riavviato senza staccarne la spina. In parte è anche vero, quando viene chiamato il riavvio, viene fatto il reset di un po’ di tutto. Ma questo non è il caso di ogni singolo prodotto. Alcuni eseguono un riavvio “soft” nel quale i file temporanei non vengono rimossi ( per accelerare l’avvio ). Perciò rimuovere l’elettricità può essere sempre utile, anche quando il prodotto in sé ha un tasto d’accensione o spegnimento.
In genere però questo gesto va fatto solo per alcuni tipi di dispositivi elettronici. Ad esempio ci sono dei prodotti, come le console o i PC desktop, che una rimozione improvvisa dell’elettricità può essere molto deleteria. Per altri prodotti, come i Modem, Router, prodotti Smart e così via…può essere consigliato, da fare ogni tanto.
Ma alla fin fine ricordatevi sempre che nella maggior parte dei casi è una soluzione temporanea. Se il vostro dispositivo ha un problema di accumulo di dati temporanei ( altrimenti definito buffer ) al suo interno, può essere utile aggiornarlo o controllare se non esista una soluzione differente al problema.

Pubblicato
Etichettato come Hardware

Di Giampaolo Rossi

Sviluppatore software da oltre 16 anni.

Lascia un commento