La Classe ArrayList in C#

La classe ArrayList implementa una lista di dimensione dinamica che può contenere qualsiasi tipo di oggetto. Ecco le proprietà di un ArrayList.

  • Capacity – Imposta o ritorna il numero di elementi che possono essere inseriti nella lista
  • Count – Ritorna il numero di elementi presenti nella lista
  • IsFixedSize – Indica se la lista è di grandezza fissa, perché a sola lettura
  • Item – Imposta o ritorna l’elemento nella posizione specificata

Ecco i metodi per operare con questo oggetto.

  • Add – Aggiunge un elemento alla lista
  • AddRange – Aggiunge gli elementi di una collection alla fine della lista
  • BinarySearch – Consente di ricercare sequenzialmente un valore nella lista
  • Clear – Rimuove tutti gli elementi dalla lista
  • Clone – Crea una copia della lista senza inserirvi gli elementi
  • Contains – Determina se un elemento è presente oppure no nella lista
  • CopyTo – Copia tutta o una parte di una lista in un array monodimensionale
  • GetEnumerator – Ricerca un enumeratore per scorrere la lista
  • GetRange – Ritorna una parte della lista
  • IndexOf – Ritorna l’indice del primo elemento trovato nella lista
  • Insert – Inserisce un elemento nella lista nella posizione desiderata
  • insertRange – inserisce gli elementi di una collezione nella posizione desiderata
  • LastIndexOf – Ritorna l’ultima occorrenza di un elemento trovato nella lista
  • ReadOnly – Ritorna una lista in sola lettura
  • Remove – Rimuove un oggetto desiderato dalla lista
  • RemoveAt – Rimuove un oggetto ad un determinato indice
  • RemoveRange – Rimuove un insieme di elementi dalla lista
  • Reverse – Inverte l’ordine degli elementi di una lista
  • SetRange – Copia gli elementi di una collezione sopra un intervallo di elementi della lista
  • Sort – Ordina la lista
  • ToArray – Ritorna gli elementi di una lista come array
  • TrimToSize – Riduce la capacità della lista eliminando memoria non occupata

L’uso degli ArrayList mi sembra molto semplice, praticamente abbiamo tutti gli strumenti per operare su questi oggetti. Nella prossima lezione parleremo di un’altra collezione, gli Hashtable.

<< Lezione Precedente – Inizio CorsoIndice LezioniLezione Successiva >>

Di Giampaolo Rossi

Sviluppatore software da oltre 16 anni.